Made in Italy a modo mio

Utilizzo materiali italiani, collaboro con artigiani della zona e nella mia ricerca artistica metto in risalto la bellezza del nostro paese, che amo. Tutte le novità su: www.paolascibiliaitaly.it

 

logosito

 

 

 

Annunci

Una storia di sorelle

Questa è una storia di sorelle.

La nota archeologa Maria Angela Ruta mi telefona un giorno per conoscermi, ha saputo da mia sorella Michela (www.teodolinda.it) che lavoro il mosaico.

Alcuni mesi prima Maria Angela con sua sorella Claudia fecero una visita a Venezia e camminando per calli e campielli videro in un negozio un artista che preparava dei mosaici. In vetrina ne era esposto uno con un albero e piacque molto ad entrambe. Qualche tempo dopo in occasione di un’altra visita a Venezia fecero ritorno in quel negozio per acquistare il mosaico ma il mosaicista non c’era più ed era stato sostituito da un altro venditore.

Che fare? Era rimasto il desiderio di un albero mosaicato e Maria Angela voleva fare una sorpresa a sua sorella e regalarglielo!

Dopo mesi di attesa e di ricerca di un valente mosaicista, ecco che con un giro di telefonate Maria Angela chiede a mia sorella.

Così ho disegnato un albero della vita – con le misure che mi sono state date perché deve entrare in una nicchia- e ho “costruito” l’opera tessera dopo tessera (mosaici Orsoni) e con murrine di Murano.

Ora si trova nella bella casa di Claudia in Puglia regalatogli da Maria Angela ma anche dalle altre sorelle Rosi e Viviana.

Che incrocio di sorelle!

mosaico1


Piccoli Maestri a Venezia

banner copia2

Siamo un gruppo di scrittrici e scrittori attivi a Venezia.

Molti di noi usano le parole, qualcuno anche le immagini: scriviamo romanzi, poesie, saggi, libri illustrati e pop-up.

Abbiamo pensato di riproporre anche a Venezia e dintorni, la bella idea della nostra amica Elena Stancanelli, che è stata messa in pratica a Roma con il nome di piccoli maestri, e che ha attecchito anche a Milano e Benevento e sta per diffondersi in altre città italiane.

L’idea è quella di offrire la possibilità di avvicinarsi a un libro insieme a un autore o un’autrice che lo ha molto amato e lo porta in una classe, ne legge dei brani, comincia a raccontarlo, incuriosendo i giovani a continuare da soli, anche per “vedere come va a finire”.

Qui il nostro blog di riferimento con tutte le informazioni piccolimaestrivenezia.wordpress.com

Il nostro gruppo è coordinato da Annalisa Bruni e Tiziano Scarpa.

Ci vediamo a scuola!

(testo tratto dalla homepage del blog)

piccolimaestri


Padiglione Italia @La Biennale di Venezia

La sede dei giardini della Biennale, non esagero, per me è il luogo più importante sulla Terra!
Racchiude tutto il mondo con i padiglioni dei diversi paesi -va beh, non proprio tutti, molti sono dislocati in altre sedi veneziane, però il concetto è quello di rappresentarli. È come un concentrato.

E non ci sono guerre, solo si combatte con la bellezza o la verità o il nonsense e spesso anche con la bruttezza, ma sempre con arte. Sono legata in particolare al Padiglione Italia perché ho seguito diversi allestimenti di Gino de Dominicis. Poi, non so perché, forse è l’odore che emana, tutto particolare, misto di colori e tecniche diverse che gli artisti hanno lasciato negli anni.
Poiché adoro visitare la Biennale nel mese di settembre e ancora non ho scritto nulla, “ribloggo” con piacere un post di amiche blogger.
Buone vacanze.

Culture For

Tra tutti i padiglioni (probabilmente siamo un po’ di parte), quello dell’Italia ci è parso uno dei più belli.

Biennale d'Arte, Padiglione Italia @Venezia_www.culturefor.com

La scelta di esporre due artisti per “ambiente” è molto interessante: sembrava quasi che si fossero messi d’accordo visto come dialogavano tra loro le opere. Ogni stanza era descritta da un binomio che andava ad indicare l’ambito di lavoro dei due artisti esposti. L’intero progetto prende il nome di “Vice Versa“: un confronto tra uguali e contrari, per riuscire a cogliere le differenze e i tratti comuni del nostro Paese.

Biennale d'Arte, Padiglione Italia @Venezia_www.culturefor.com

In questo rapporto dialettico […] la cultura italiana trova oggi la sua intima ragion d’essere e produce un’arte dove il paesaggio diviene palcoscenico, la storia performance, l’opera teatro, l’immaginario popolare storia personale.” cit. Bartolomeo Pietromarchi

La sala più bella è la prima, col binomio veduta/luogo e le opere “Viaggio in Italia” di Luigi Ghirri e “per l’eternità”…

View original post 369 altre parole


Damien Hirst per i giovani artisti

Sono sempre desiderosa di leggere scritti di artisti contemporanei ma non se ne trovano molti… o gli artisti sono avari nel condividere i segreti del mestiere o troppo occupati.

Eccomi di nuovo a parlare allora di un artista -dopo i “coriandoli” fatti con i bambini nel post che trovate qui tanto amato quanto odiato, Damien Hirst.

A questo proposito ho da poco terminato di leggere il suo Manuale per giovani artisti.

Non è una novità, poiché è già uscita nel 2006 ma l’edizione di postmediabooks è molto curata e con molte immagini e vale proprio l’acquisto.

Damien

Con tredici interviste registrate a Gordon Burn, Damien Hirst racconta del suo successo improvviso di artista, della prima mostra che lo ha reso celebre mentre frequentava ancora il Goldsmiths College di Londra fino alle ultime importanti mostre con i galleristi Saatchi e Gagosian.

La scrittura è schietta, forse troppo e sinceramente ho fatto un po’ fatica a abituarmi al linguaggio e ai concetti.

Non è stata una “bella lettura” ma probabilmente l’obiettivo era proprio questo, di non farne un romanzo ma una chiacchierata, nuda e cruda su come nasce un’opera, sul rapporto con i galleristi, con la famiglia, con la vita.

Spero che altri artisti si cimentino a scrivere o a dettare una sorta di manuale che possa raggiungere i giovani artisti -e anche i meno giovani, come me :-)


L’arte è un incidente di percorso

Malika Ayane

La radio– che ADORO ascoltare anche mentre lavoro- ci sta regalando un bellissimo e nuovo programma su radio due.

Si tratta di SOLD OUT– incidenti di percorso- in cui la cantante/artista Malika Ayane ne è la conduttrice radiofonica.

Il programma, che consiglio caldamente agli artisti alla “Vang Gogh”, andrà in onda dal lunedì al venerdì (fino al 28 giugno) per un’ora e mezza dalle ore 11.00 alle 12.30.

Le impressioni personali e gli ospiti in studio sono intervallati da musica ricercata. Finalmente!

È interessante ascoltare come GLI INCIDENTI DI PERCORSO siano stati essenziali nella vita degli artisti e Malika li racconta con la sua bellissima voce, che anche se parla, sembra che canti.

Buon ascolto :))


Negozi aperti la domenica?

Cosa c’entrano l’apertura dei negozi la domenica e l’arte? Beh, qualcosa hanno in comune.

In un post precedente ho raccontato della visita alla Pieve di San Pietro di Feletto, e sicuramente l’affresco più originale che mi ha interessato è stato quello del Cristo della domenica. In Italia si trovano, risalenti al periodo medievale, dei cristi dipinti di gusto popolare in cui il Cristo è sofferente e trafitto dagli arnesi usati da coloro che non osservavano il giorno di riposo.

Zappe, martelli, aratri e tutto cò che riguardava il lavoro venivano dipinti accanto alla figura del Cristo come monito a chi continuava a lavorare anche il settimo giorno.

Osservate il particolare in alto a sinistra della mano che maneggia dei denari.

Affresco "Cristo della Domenica", Pieve di San Pietro di Feletto

Affresco “Cristo della Domenica”, Pieve di San Pietro di Feletto

Anche in  Italia con la liberalizzazione, molte attività commerciali sono aperte la domenica con il sacrificio di molte famiglie e si è visto che le vendite non sono affatto aumentate (a questo proposito si possono consultare alcuni siti come quello della Confesercenti).

Quindi non solo per un motivo morale ma analizzando gli scarsi risultati, lavorare la domenica dovrebbe essere un’eccezione e non una regola.

Ecco qui una mia versione acquerellata del Cristo domenicale.

Ciao e… buona domenica!

Scansione 2